I pastori non si arrestano

L’esercizio dei diritti di riunione e manifestazione del proprio pensiero sono garantiti da norme applicate in tutti gli stati democratici e non possono essere sottoposti a limitazioni derivanti da ingiustificati motivi di ordine o sicurezza pubblici. Il carattere fortemente repressivo delle misure applicate a seguito delle proteste dello scorso febbraio, rappresenta la dura risposta dello Stato italiano nei confronti dei lavoratori delle campagne. L’iniziativa promossa dall’Associazione Libertade nasce con lo scopo di informare i pastori e la popolazione sarda che:La Convenzione europea dei diritti dell’uomo e la Costituzione italiana garantiscono il diritto di riunione pacifica nei luoghi pubblici e il diritto a manifestare liberamente il proprio pensiero.

imàgine de presentada magdeleine.co

Copy link
Powered by Social Snap